ACHILLE BONITO OLIVA

Bonito Oliva, critico d’arte contemporanea, è noto per aver lanciato il movimento della Transavanguardia a livello internazionale, ultima vera avanguardia italiana ad esser stata riconosciuta pubblicamente. Grazie a lui Cucchi, Paladino, Chia, Clemente e De Maria hanno imposto il loro talento in America e nel mondo, raggiungendo cifre record nelle aste. Bonito Oliva è stato il curatore della 45°Biennale di Venezia.

Bonito Oliva è inserito in tutte le più importanti enciclopedie. Nel 1989 la voce “Achille Bonito Oliva” nell’Enciclopedia Bompiani, è stata redatta da Vittorio Sgarbi; rispettoso omaggio che lo Sgarbi fa al “Maestro” dei critici d’arte (1989).

Bonito Oliva ha curato l’Appendice della Storia dell’Arte di Giulio Carlo Argan nel 1993 mentre nel 2002 ha aggiunto al monumentale testo di Argan i capitoli conclusivi intitolati “L’arte oltre il Duemila”.

Nel 1993 Art News ha collocato Bonito Oliva tra i sei critici d’arte più influenti del mondo.
Dal 1968 insegna Storia dell’Arte Contemporanea all’Università “La Sapienza”.
Collabora con importanti giornali e riviste quali: La Repubblica, Il Giornale dell’Arte, Il Corriere della Sera, L’Espresso, il Giorno, Flash Art.

È stato autore e protagonista di programmi su Raiuno, Raitre e Sky: Autoritratto dell’arte contemporanea, RAI 3 (1992-1996), Totòmodo, l’arte spiegata anche ai bambini, RAI 3 (1995), della trasmissione ABO. Collaudi d’arte, RAI 1 (2000), A.B.O.rdo delle Arti e A.B.O. Il giorno della creazione, Sky (2004-2005).

 

esposizione-triennale-roma-achille-bonito-oliva-foto

Achille Bonito Oliva